Le migliori 5 gelaterie gourmet di Roma: gelato per veri intenditori!

Il gelato, dopo la pizza e gli spaghetti, è certamente uno degli alimenti che contraddistingue e caratterizza la cucina e le specialità italiane all’estero. C’è una bella differenza, infatti, tra il gelato “all’italiana” e il gelato che parla altre lingue. Soprattutto negli ultimi anni, con il ritorno alla cultura (e talvolta al fanatismo) del cibo lento, quello slow-food che fino a qualche tempo fa sembrava potessero permettersi solo i più abbienti, sia in termini economici che di tempo, la nostra attenzione alla qualità di quello che mangiamo è aumentata notevolmente, anche al momento della merenda o durante le calde serate passate con gli amici in giro per la città.

Ecco dunque che la cultura dello slow-food e l’attenzione alla qualità delle materie prime hanno permesso la creazione di vere e proprie opere d’arte, in bilico su cialde artigianali o intrappolate in piccole coppe o ancora infilzate su di uno stecco.

Un prodotto unico nel suo genere, che può essere semplicissimo o elaboratissimo, di ogni gusto e colore, prodotto con fave di cacao provenienti da ogni parte del mondo, con noci particolari o addirittura oggetto di originali sperimentazioni salate.

Tutte le gelaterie riportate di seguito possono essere annoverate nella categoria gourmet, ponendo attenzione e dedizione ai prodotti e scegliendo solamente materie prime di altissima qualità per risultati inimmaginabili e inimitabili.

Se avete voglia di una bella merenda, nutriente e soddisfacente, perfetta per i caldissimi pomeriggi estivi, o di un lussurioso dessert dopo cena, fate un salto in una delle migliori 5 gelaterie gourmet di Roma, o magari in tutte, e… fate largo a sua maestà il gelato!

 

Il Gelato

Claudio Torcè, il padre de “Il Gelato”, è ormai diventato un guru e una leggenda del gelato artigianale. Con una varietà di gusti assolutamente invidiabili, “Il Gelato” ha saputo stupire tutti con le sue famosissime sperimentazioni salate, alcune per così dire “soft”, come philadelphia e spinaci o gorgonzola e noci, e altre decisamente più “hard core”, come l’incredibilmente fedele gusto mortadella… nonostante sia normale storcere il naso al solo leggere i cartellini di gusti come questi, è praticamente d’obbligo l’assaggio. I gusti “normali” sono talmente buoni che piano piano “Il Gelato”, la cui prima sede è via dell’Aeronautica 105, si è ingrandito aprendo altri sette punti vendita in giro per la città e all’interno dei centri commerciali di RomaEst e Parco Leonardo.

 

Fatamorgana

Anche la maestra del gelato Maria Agnese Spagnuolo, proprio come il suo collega Claudio Torcè, ha visto il suo piccolo impero di gelaterie crescere notevolmente all’interno della città di Roma, portando a sette i punti vendita della sua “Fatamorgana”, tutti posizionati in zone strategiche, senza mai rinunciare agli alti standard qualitativi che hanno caratterizzato da sempre i suoi prodotti. La particolarità delle gelateria della catena “Fatamorgana” è l’attenzione non solo all’altissima qualità e all’accurata selezione delle materie prime impiegate nella produzione del gelato, ma anche l’attenzione alla stagionalità. Infatti, in base alle stagioni e alla conseguente reperibilità di determinati ingredienti, alcuni gusti spariscono in particolari periodi dell’anno per poi ricomparire in altri. Questa è vera magia!

 

Otaleg

Allievo della scuola del maestro Claudio Torcè, Marco Radicioni ha creato una piccola oasi di dolcezza nel cuore del quartiere Portuense, precisamente in via dei Colli Portuensi, 594. Nel suo unico locale “Otaleg” ha deciso di rovesciare ogni paradigma della produzione artigianale del gelato, tant’è che la prima cosa che si vede entrando è il laboratorio, detto “acquario”, dove viene effettivamente prodotto, sotto gli occhi curiosi dei clienti, tutto il gelato che viene poi venduto all’interno. Il prodotto di “Otaleg” è uno dei migliori del panorama del gelato artigianale capitolino, offrendo ai suoi clienti una notevole varietà di gusti, dai grandi classici ai gusti stagionali, come il gelato al fico d’India, fino ai più particolari, come il gusto “Gorgonzola con cioccolato biondo e nocciole”. Da “Otaleg” il gelato non ha segreti!

 

Gelateria dei Gracchi

Alberto Manassei, il padre e maestro gelataio della famosissima “Gelateria dei Gracchi”, è un vero artista del gelato e il suo primo punto vendita in via dei Gracchi 272, che dà il nome alla catena di gelaterie, è diventato una della gelaterie più famose di sempre a Roma. Ad oggi la catena è arrivata ad essere composta di bel tre punti vendita, tutti posizionati in punti centrali e molto frequentati, senza mai abbandonare i suoi altissimi standard qualitativi. Una delle specialità della “Gelateria dei Gracchi” sono certamente i cremini, piccoli assaggi di paradiso su uno stecco e ricoperti di cioccolato rigorosamente fondente. Da perderci la testa!

 

La Gourmandise

Il gelato di “La Gourmandise” è certamente uno dei più raffinati della Capitale. L’unico punto vendita si trova in Via Felice Cavallotti, 36B, nel cuore del quartiere di Monteverde Vecchio. La prima particolarità di “La Gourmandise” è certamente la particolarissima scelta del latte. I gusti che lo prevedono, infatti, sono realizzati con l’utilizzo di latte di capra Maltese, che presenta altissima digeribilità e sapore e odore piuttosto gradevoli, certamente rispetto al latte delle altre razze di capra.

I gusti di gelato spaziano moltissimo, dalle varietà senza latte alle varietà realizzate con latte di capra, e ce ne sono alcuni davvero unici. L’ampia scelta dei gusti di “La Gourmandise” è il frutto di un incessante lavoro di ricerca e sperimentazione. Alcuni dei gusti più particolari sono “Avocado all’olio d’oliva”, tra i senza latte, “Lavanda e zenzero”, tra i gusti realizzati con latte di capra.

 

E se hai voglia di qualcos’altro di fresco leggi anche le 5 migliori grattachecche di Roma